Le alternative all’inceneritore? Esistono!

inceneritore

Ormai è da tempo che in USA e Germania non si costruiscono più inceneritori. La prima li ha sostituiti con la raccolta differenziata totale e la seconda con impianti di trattamento biomeccanici. Gli inceneritori vengono ancora proposti e costruiti dai paesi in via di sviluppo e a quanto pare anche in Italia. Ma perché sono pericolosi gli inceneritori?

Gli inceneritori emettono fumi inquinanti e lasciano da smaltire fanghi e cenere tossici, anch’essi da smaltire (con costi elevatissimi). Va da se che gli inceneritori non risolvono il problema dei rifiuti ed in un certo senso invece lo aggravano.

Esistono delle alternative migliori agli inceneritori come ad esempio il “trattamento biomeccanico dei rifiuti”.

Il Trattamento Bio Meccanico dei Rifiuti

impianto trattamento biomeccanico rifiuti Slovenia

impianto trattamento biomeccanico rifiuti Slovenia

Con il trattamento biomeccanico, la parte “organica” dei rifiuti viene messa per una settimana in contenitori nei quali viene soffiata aria calda per attivare dei batteri (batteri aerobici) che accelerano il processo di degradazione. Una volta effettuato questo procedimento, quel che rimane può essere tranquillamente posto in discarica senza conseguenze sull’ambiente.

A Mestre è già in funzione un impianto di trattamento biomeccanico dei rifiuti in cui la parte degradata viene poi avviata in un percorso per diventare concime, mentre la parte secca che rimane va a fare da combustibile naturale della centrale elettrica di Fusina.

Anche il costo di realizzazione di un impianto del genere è nettamente inferiore a quello degli inceneritori. Circa un quinto di meno. E possono essere realizzati in 3 anni di meno (2 anziché 5).

Ciò nonostante, a causa degli enormi investimenti effettuati sugli inceneritori, si è tentato di renderli più appetibili, riconvertendoli in Cogeneratori e Termovalorizzatori per la contemporanea generazione di energia elettrica ed acqua calda per il riscaldamento urbano, o per la produzione di Gas (gassificatori), funzionanti a bassa temperatura (400° C invece dei 1.100°C dell’inceneritore).
In entrambi i casi le statistiche dei fattori di inquinamento sono abbastanza simili. Si vede che i maggiori inquinanti sono presenti in elevate quantità sia negli Inceneritori che nei Gassificatori.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Non raccogliamo dati personali. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi