Mondovideogiochi: Max Payne

Gli amanti dei videogiochi non possono non conoscere Max Payne, il personaggio sviluppato dalla Remedy Entertainment e dalla Rockstar Games, dove il poliziotto della NYPD diventa  il giustiziere che ha appassionato milioni di giocatori insieme al personaggio di Mona Sax, presente nel secondo gioco.

La saga del videogioco

La prima serie di Max Payne arriva nel 2001  e viene pubblicato da Microsoft Windows per poi passare nel 2002 anche sulle console per videogiochi  come Xbox e Playstation 2 e  presenta una nuova frequenza nei giochi la bullet time, un particolare effetto che permette di vedere  una particolare scena al rallentatore della prospettiva della telecamera.

Il personaggio di questo gioco  è particolare e la sua psicologia si è evoluta nel tempo, all’inizio  è una persona estroversa  e felicemente sposato, ma il duplice omicidio della moglie e della figlia sconvolgerà la sua vita e diventerà un tipo molto cupo che avrà come obiettivo solo la vendetta.

L’ambientazione del videogioco è pienamente noir Max che parla poco e le uniche volte che lo sentiamo a quando fa dei soliloqui  dove mostra quelli che sono i sentimenti di vendetta di Max Payne.

Nel corso della storia il personaggio, un agente sottocopertura avrà sempre a che fare  con il caso della Valchiria contro cui si trova a  combattere uccidendo alcuni tra i suoi membri e dell’altra dovrà anche fuggire dai suoi ex colleghi della Polizia di New York sotto la figura di Jim Bravura, che crede che sia l’assassino del suo amico e collega Alex Balder.

Il videogioco di Max Payne ha avuto un grandissimo successo sul mercato, questo ha portato le attenzioni anche di Hollywood che  ha scelto di  farne un film, uscito nel 2008  diretto da John Moore dove Max Payne è interpretato da Mark Wahlberg.

La seconda edizione: Max Payne the Fall of Max Payne

La seconda edizione di Max Payne presenta uno stile sempre noir ed inizia due anni dopo la fine del primo e troviamo il nostro Max Payne in  ospedale e da qui parte un flashback che sarà giocabile.

Il nostro personaggio era stato salvato dall’influente senatore Alfred Wooden, che lo voleva ringraziare per aver eliminato la sua nemica, Nicole Horne a capo dell’operazione Valchiria e mandante degli omicidi della moglie e della figlia di Max Payne.

Nel secondo capitolo del videogioco  Max Payne è tornato a far parte della polizia di New York e si trova a dover fronteggiare “i Ripulitori”, dei killer che  si travestono da addette alle pulizie  che sono comandate da Kaufman.

Nel frattempo dovrà combattere con due bande  rivali, quella del commerciante d’armi russo Vladimir Lem e quella di Vincent Gognitti.

Alla fine del gioco riesce a  sconfiggere le due fazioni rivali e il suo grande nemico Vladimir Lem, mentre nella modalità killer  dove abbiamo due finali alternativi.